Passa ai contenuti principali

VO(L)TIAMO PAGINA

In questa foto di Berengo Gardin (fonte), oltre che la testimonianza di una città
colpevolmente abbandonata,  l'essenza stessa della Politica nel suo senso più vero
E alla fine il terremoto è arrivato. Questa volta non dovrebbe essere solo un wishful thinking, la tornata di amministrative per quanto parziale dovrebbe avere messo una bella pietra tombale sul berlusconismo. Il PdL non esiste più, e se ancora Berlusconi ha qualche amico questo dovrebbe consigliargli vivamente di usare le ultime energie per prepararsi un buen retiro dorato piuttosto che per tentare un'ennesima trovata politica che a questo punto non potrebbe avere risultati apprezzabili: il vento è cambiato, e annuncia tempesta. Per tutti.
Come era lecito prevedere, l'Italia, non potendo imboccare la via francese per l'assoluta latitanza di un pensiero politico di sinistra all'altezza, si incammina sul percorso greco della frammentazione esasperata e dell'ingovernabilità, con un unico fattore a salvarla, checché ne possa dire il Presidente della Repubblica più sciagurato e incompetente della nostra storia (tutti hanno fatto rimpiangere Pertini, lui persino Cossiga): il movimento 5 stelle di Beppe Grillo. Il commento più intelligente di queste ore, come tale anche breve, è infatti questo di Debora Billi: dobbiamo al comico genovese (io continuo a chiamarlo così fino a quando si ostinerà a fare spettacoli a pagamento oltre che comizi) se non abbiamo ancora imboccato una deriva autoritaria stile anni 20/30 del secolo scorso, se cioè la cosiddetta antipolitica, che non esisterebbe se la politica facesse il suo mestiere anziché occuparsi esclusivamente di arraffare e depredare, non trovasse ad incanalarla un movimento con un programma politico serio (e condivisibile, peraltro direi obbligatoriamente da una forza di sinistra che voglia essere degna di essere definita tale) capace di attrarre persone serie. Prima di lamentarsi di Grillo, non è nemmeno necessario fermarsi a immaginare che senza di lui (grazie alla sciagurata linea politica del PD, che a differenza dei socialisti francesi lascia libero il campo della critica a questa UE) potremmo avere Forza Nuova al 10 per cento, basta ricordare che con un peso del genere è da vent'anni che condiziona l'Italia un movimento di antipolitica buzzurra ignorante e razzista, quella Lega Nord peraltro talmente incoerente da aver governato per anni con uno che per anni ha definito mafioso e amico dei mafiosi, da aver cavalcato il giustizialismo per poi scoprirsi ladrona come e più degli altri e in combutta persino con la 'ndrangheta.
A proposito di terremoto, se qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che la gestione dell'evento aquilano sia stata la peggiore in tutta la storia italiana, che peraltro poteva già contare di perle del settore come il Belice o l'Irpinia, prima si faccia un giro delle new towns berlusconiane e del centro ancora abbandonato, poi vada a vedere il risultato del PdL a L'Aquila: è così imbarazzantemente basso che consente all'UdC e al suo progetto centrista, bastonato pesantemente in questa tornata, l'unico risultato decente, un candidato al ballottaggio, sia pure probabilmente perdente.
Questa fortissima scossa dovrebbe essere più che sufficiente a che il PD, se avesse dei leader con un minimo di intelligenza politica, cambiasse finalmente linea, capendo quello che è evidente da anni: che deve recuperare i voti dove ci sono, tra le milioni di persone deluse dalla politica, tra cui quelli che si buttano nella cosiddetta antipolitica sono ancora una minoranza, mentre la maggioranza (un terzo degli aventi diritto: il primo partito! in Italia mai successo...) resta proprio a casa. Oggi il segretario del PD dovrebbe:
  1. lanciare segnali inequivocabili di apertura al Movimento 5 stelle (in alcuni punti - energia, beni comuni, legge elettorale, norme anticorrotti in politica, ad esempio - aderendo al suo programma);
  2. rimangiarsi precipitosamente il si al fiscal compact e raggiungere Hollande nel fronte anti-Merkel dandogli forza, avendo capito che (al contrario di quanto affermato dal monopensiero monetarista e da tutti i soloni della politica nostrana, Napolitano in testa) ridiscutere il progetto UE oramai è l'unico modo per salvarlo, anche perché non è ancora detto che il neoleader francese possa e voglia mantenere le promesse;
  3. abbandonare finalmente la rincorsa alla Lega sul terreno del federalismo, che tanto è costato al Paese in termini di moltiplicazione dei centri di spesa e diminuzione di controllo sugli stessi, magari sposando una linea come quella suggerita qui da Bertani: abolire non solo le province ma anche le regioni, accorpando queste ultime in poche macroregioni in funzione politico/economica non burocratico/amministrativa, e i Comuni in Comprensori laddove non fluiscano nelle finalmente realizzate Aree metropolitane;
  4. avendo finalmente imparato a leggere i risultati elettorali, guardare a sinistra, e non solo all'alleanza con IdV e Sel, anche e soprattutto ai milioni di elettori potenzialmente di sinistra che oramai non votano più, la cui esistenza è stata dimostrata in maniera lampante ad esempio dai referendum di un anno fa - abbandonando l'equivoco di voler tenere dentro più anime incompatibili (tanto il Grande Centro si farà, il fallimento del cosiddetto Terzo polo accelererà questo processo, e gli ex-margheritini prima o poi ci finiranno dentro) e con esso l'emerita stronzata delle primarie (che fin qui sono servite solo a dimostrare, e Palermo è l'ultima controprova di enne, l'insipienza dei vertici del PD tramite la sconfitta dei loro candidati);
  5. andare da Monti e Napolitano e dire: da oggi o si fa come diciamo noi (cioè come Hollande) o ritiriamo la fiducia al governo dei cosiddetti tecnici - e prepararsi al voto a giugno o comunque il prima possibile (per ridurre al minimo gli effetti di quasi certi attacchi speculativi).
Questo, e niente di meno, è ciò che forse salverebbe dalla dissoluzione il partito-Frankenstein e dal disastro l'Italia. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, le prime dichiarazioni di Bersani sono da far cadere letteralmente le braccia: secondo questo genio della politica, il voto dimostrerebbe che gli italiani hanno capito la scelta del PD di sostenere Monti. Tanti auguri.

Commenti

Post popolari in questo blog

COSI FITUSI

Prima la cronaca, poi la storia, anche se in questo caso il senso è lo stesso: Reggio Calabria, fuori dai coglioni!
La cronaca: una fidejussione fantasma Tra gli adempimenti di una squadra che vuole iscriversi al campionato di basket, c'è la presentazione di una fidejussione di 100mila euro (per la A2, credo sia diversa in altre categorie, se c'è in tutte), a garanzia del pagamento regolare degli emolumenti agli aventi diritto. In altre parole, se la società non paga gli stipendi, il giocatore (o altra figura avente titolo) attinge alla fidejussione. Non so quanto sia sufficiente una misura del genere, stante il monte stipendi complessivo di una squadra media della categoria, ma magari una funzione psicologica ce l'ha. Se la squadra paga regolarmente tutti gli stipendi, la società avrà buttato i soldi che gli è costata la garanzia: poche migliaia di euro, pazienza. Il punto è che se una squadra non presenta nei termini tutta la documentazione necessaria, perde il diritto a…

UN FILM GIÀ VISTO

Normalmente non pubblico integralmente testi altrui, preferisco semmai infarcire i miei post di link che vi invito a seguire, presi sia dai siti di controinformazione che consulto abitualmente (e trovate in colonna destra, con l'occasione implementata) sia da altrove. L'eccezione di oggi è perchè la scelta comune di molti dei siti che vedete in firma è di riportare pari pari un testo. Dell'argomento sapete come la penso: ci hanno raccontate tante di quelle palle che ormai è come si diceva "diligenza del buon padre di famiglia" invertire "l'onere della prova", non credendo mai in prima battuta a quello che racconta il mainstream, ma semmai soltanto dopo prove schiaccianti, forse. La penultima cazzata era quella della ex spia russa e sua figlia avvelenati col gas da Putin in Inghilterra, bufala patentata ma col cavolo che danno alla smentita la stessa eco che hanno dato alla notizia che ci ha tambureggiato per giorni e giorni. L'ultima riguarda, …

REGGIO NEMMENO

Come tutti gli emigranti, torno "a casa" sempre meno: i primi anni ogni scusa è buona per non saltare un mese, poi pian piano si comincia a intravedere un futuro in cui sarà già tanto una volta l'anno. E le virgolette, se non si era capito, sono perché tutti noi "andati via" prima o poi si intende per "casa" un altro posto rispetto a quello in cui siamo nati. C'è una dimensione però in cui mi distinguo dal "valore modale" dei miei "condestinei", allineandomi invece a una quota non insignificante ma minoritaria: io, da Reggio, ho scelto di andare via, a 26 anni e avendovi già un lavoro fisso e sicuro, e quando a 39 ho avuto una seconda possibilità anche migliore, dopo pochi mesi ho riscelto di nuovo di andar via. Se ciò sia tutto frutto di sventatezza (in parte sicuramente, se pensiamo che restando avrei avuto molti meno problemi economici di quelli che ho affrontato in un trentennio) o lungimiranza (se pensiamo che così almeno…

PORNO-ARISTON

Una domanda: un blog che ha il tag Musica tra i più frequenti non può non occuparsi di Sanremo, in quanto evento musicale più chiacchierato dell'anno, oppure non deve occuparsene, in quanto evento che con la musica quella vera c'entrato sempre poco e c'entra sempre meno? Nel dubbio, negli anni, del festivalone ho scritto proprio solo quando in qualche modo consentiva di parlare di musica, in positivo o in negativo che fosse: nel 2009, perchè c'era da stigmatizzare l'estensione del dominio mariadefilippico anche sul feudo del nazionalpopolare; nel 2011, perchè c'era da salutare con giubilo una delle rare vittorie della Qualità (peraltro da parte di chi ne vantava tanta da potersi affermare qui con una cosa scritta "con il piede sinistro" - un po' come Dalla la canzone di Ron quest'anno, si - tra l'altro stracarica di autoplagi - ma meno di Moro quest'anno e di Amara l'anno scorso con la Mannoia); e nel 2013, in una specie di sintes…

OCCHI APERTI!

Non c'è niente da fare, non so nemmeno se sarebbe sufficiente che davvero facessero il governo di scopo antisistema e che questo attuasse come primo passo lo spoil system più feroce nell'intero mainstream, intanto perché la Lega ha già dato prova abbondante in passato di essere in realtà contigua agli ambienti che dice di voler combattere (e si, lo so, è quello che rimprovera qualcuno anche ai cinquestelle, specie chi all'inizio ci flirtava perché magari sperava di avere con loro un ruolo di guida saggia che non gli hanno riconosciuto, ma almeno finora senza prove), e poi perché inizio a temere si tratti proprio di scarsa propensione al ragionamento, non volendo asserire nulla in merito proprio alla quantità di materia grigia, di chi tenta oggigiorno di campare di giornalismo (con rare eccezioni, ovviamente).
Malafede o meno, sono giorni che ci martellano (le palle) con un paio di narrazioni: la spia avvelenata in Inghilterra da Putin in persona, e i dati degli utenti di …

IN-FINITO

Rieccomi qua.
Sono io.
Io.
Si sono proprio io.
Sono io questo mucchietto d'ossa ripiegato su se stesso che fatica a respirare. Ho dolori dappertutto. Così forti e così ovunque che non so più localizzarli, e forse manco li sentirei più se ogni tanto non ne spuntasse uno più acuto, o forse più ottuso, però va bene, va bene così, mi dico, tutto questo vuol dire che sono viva.
Un attimo fa vedevo da terra i piedi del tavolo, ora da un fianco questa sponda di letto, e mi dicono che sono passati giorni. Io capisco, capisco tutto, ma non ho forza, e tutto sommato neanche voglia, di parlare.
Credo di avere capito. E so che cosa voglio. Voglio rivedere i suoi occhi. Gli occhi di mio figlio. Non mi importa quanta fatica mi comporta, da ora in poi concentrerô ogni energia che mi resta su questo obiettivo: resistere fino a che non arriva.
Ma ogni minuto, ora o giorno che passa la pena è maggiore, il dolore più forte, l'energia minore. Ho deciso: me lo immagino. Forse al mio scopo vale lo…

VENT'ANNI FA

Il dicembre del novantasette è stato a dir poco cruciale per chi vi scrive, e un ventennale è una bella cifra tonda per ricordarlo. Ma, niente paura, questo non è un post nostalgico e autobiografico, tanto gli amici trovati allora in quel di Trento e mai più persi, e anche quelli un pochino persi di vista ma mai di cuore e di pensiero e quindi di contatto almeno occasionale, lo sanno se mi leggono che sto parlando di loro.
E' un post di auguri di natale, ma a modo mio: con una scaletta, pardon oggi si dice playlist, necessariamente in qualche modo originale. La trovate alla fine, però: prima parliamo, sempre a proposito di musica, di un disco che ha fatto vent'anni pure lui e in qualche modo a suo tempo ha fatto epoca, e che stavo riascoltando l'altro giorno e mi ha fatto venire voglia di scriverne nei termini in cui lo sto facendo, forse anche perché proprio a Trento, anzi per la precisione a Rovereto, vidi la band che lo portava in tournée, e mi piacque tanto (no, non e…