Passa ai contenuti principali

VO(L)TIAMO PAGINA

In questa foto di Berengo Gardin (fonte), oltre che la testimonianza di una città
colpevolmente abbandonata,  l'essenza stessa della Politica nel suo senso più vero
E alla fine il terremoto è arrivato. Questa volta non dovrebbe essere solo un wishful thinking, la tornata di amministrative per quanto parziale dovrebbe avere messo una bella pietra tombale sul berlusconismo. Il PdL non esiste più, e se ancora Berlusconi ha qualche amico questo dovrebbe consigliargli vivamente di usare le ultime energie per prepararsi un buen retiro dorato piuttosto che per tentare un'ennesima trovata politica che a questo punto non potrebbe avere risultati apprezzabili: il vento è cambiato, e annuncia tempesta. Per tutti.
Come era lecito prevedere, l'Italia, non potendo imboccare la via francese per l'assoluta latitanza di un pensiero politico di sinistra all'altezza, si incammina sul percorso greco della frammentazione esasperata e dell'ingovernabilità, con un unico fattore a salvarla, checché ne possa dire il Presidente della Repubblica più sciagurato e incompetente della nostra storia (tutti hanno fatto rimpiangere Pertini, lui persino Cossiga): il movimento 5 stelle di Beppe Grillo. Il commento più intelligente di queste ore, come tale anche breve, è infatti questo di Debora Billi: dobbiamo al comico genovese (io continuo a chiamarlo così fino a quando si ostinerà a fare spettacoli a pagamento oltre che comizi) se non abbiamo ancora imboccato una deriva autoritaria stile anni 20/30 del secolo scorso, se cioè la cosiddetta antipolitica, che non esisterebbe se la politica facesse il suo mestiere anziché occuparsi esclusivamente di arraffare e depredare, non trovasse ad incanalarla un movimento con un programma politico serio (e condivisibile, peraltro direi obbligatoriamente da una forza di sinistra che voglia essere degna di essere definita tale) capace di attrarre persone serie. Prima di lamentarsi di Grillo, non è nemmeno necessario fermarsi a immaginare che senza di lui (grazie alla sciagurata linea politica del PD, che a differenza dei socialisti francesi lascia libero il campo della critica a questa UE) potremmo avere Forza Nuova al 10 per cento, basta ricordare che con un peso del genere è da vent'anni che condiziona l'Italia un movimento di antipolitica buzzurra ignorante e razzista, quella Lega Nord peraltro talmente incoerente da aver governato per anni con uno che per anni ha definito mafioso e amico dei mafiosi, da aver cavalcato il giustizialismo per poi scoprirsi ladrona come e più degli altri e in combutta persino con la 'ndrangheta.
A proposito di terremoto, se qualcuno ha ancora dubbi sul fatto che la gestione dell'evento aquilano sia stata la peggiore in tutta la storia italiana, che peraltro poteva già contare di perle del settore come il Belice o l'Irpinia, prima si faccia un giro delle new towns berlusconiane e del centro ancora abbandonato, poi vada a vedere il risultato del PdL a L'Aquila: è così imbarazzantemente basso che consente all'UdC e al suo progetto centrista, bastonato pesantemente in questa tornata, l'unico risultato decente, un candidato al ballottaggio, sia pure probabilmente perdente.
Questa fortissima scossa dovrebbe essere più che sufficiente a che il PD, se avesse dei leader con un minimo di intelligenza politica, cambiasse finalmente linea, capendo quello che è evidente da anni: che deve recuperare i voti dove ci sono, tra le milioni di persone deluse dalla politica, tra cui quelli che si buttano nella cosiddetta antipolitica sono ancora una minoranza, mentre la maggioranza (un terzo degli aventi diritto: il primo partito! in Italia mai successo...) resta proprio a casa. Oggi il segretario del PD dovrebbe:
  1. lanciare segnali inequivocabili di apertura al Movimento 5 stelle (in alcuni punti - energia, beni comuni, legge elettorale, norme anticorrotti in politica, ad esempio - aderendo al suo programma);
  2. rimangiarsi precipitosamente il si al fiscal compact e raggiungere Hollande nel fronte anti-Merkel dandogli forza, avendo capito che (al contrario di quanto affermato dal monopensiero monetarista e da tutti i soloni della politica nostrana, Napolitano in testa) ridiscutere il progetto UE oramai è l'unico modo per salvarlo, anche perché non è ancora detto che il neoleader francese possa e voglia mantenere le promesse;
  3. abbandonare finalmente la rincorsa alla Lega sul terreno del federalismo, che tanto è costato al Paese in termini di moltiplicazione dei centri di spesa e diminuzione di controllo sugli stessi, magari sposando una linea come quella suggerita qui da Bertani: abolire non solo le province ma anche le regioni, accorpando queste ultime in poche macroregioni in funzione politico/economica non burocratico/amministrativa, e i Comuni in Comprensori laddove non fluiscano nelle finalmente realizzate Aree metropolitane;
  4. avendo finalmente imparato a leggere i risultati elettorali, guardare a sinistra, e non solo all'alleanza con IdV e Sel, anche e soprattutto ai milioni di elettori potenzialmente di sinistra che oramai non votano più, la cui esistenza è stata dimostrata in maniera lampante ad esempio dai referendum di un anno fa - abbandonando l'equivoco di voler tenere dentro più anime incompatibili (tanto il Grande Centro si farà, il fallimento del cosiddetto Terzo polo accelererà questo processo, e gli ex-margheritini prima o poi ci finiranno dentro) e con esso l'emerita stronzata delle primarie (che fin qui sono servite solo a dimostrare, e Palermo è l'ultima controprova di enne, l'insipienza dei vertici del PD tramite la sconfitta dei loro candidati);
  5. andare da Monti e Napolitano e dire: da oggi o si fa come diciamo noi (cioè come Hollande) o ritiriamo la fiducia al governo dei cosiddetti tecnici - e prepararsi al voto a giugno o comunque il prima possibile (per ridurre al minimo gli effetti di quasi certi attacchi speculativi).
Questo, e niente di meno, è ciò che forse salverebbe dalla dissoluzione il partito-Frankenstein e dal disastro l'Italia. Ma se il buongiorno si vede dal mattino, le prime dichiarazioni di Bersani sono da far cadere letteralmente le braccia: secondo questo genio della politica, il voto dimostrerebbe che gli italiani hanno capito la scelta del PD di sostenere Monti. Tanti auguri.

Commenti

Post popolari in questo blog

IN-FINITO

Rieccomi qua.
Sono io.
Io.
Si sono proprio io.
Sono io questo mucchietto d'ossa ripiegato su se stesso che fatica a respirare. Ho dolori dappertutto. Così forti e così ovunque che non so più localizzarli, e forse manco li sentirei più se ogni tanto non ne spuntasse uno più acuto, o forse più ottuso, però va bene, va bene così, mi dico, tutto questo vuol dire che sono viva.
Un attimo fa vedevo da terra i piedi del tavolo, ora da un fianco questa sponda di letto, e mi dicono che sono passati giorni. Io capisco, capisco tutto, ma non ho forza, e tutto sommato neanche voglia, di parlare.
Credo di avere capito. E so che cosa voglio. Voglio rivedere i suoi occhi. Gli occhi di mio figlio. Non mi importa quanta fatica mi comporta, da ora in poi concentrerô ogni energia che mi resta su questo obiettivo: resistere fino a che non arriva.
Ma ogni minuto, ora o giorno che passa la pena è maggiore, il dolore più forte, l'energia minore. Ho deciso: me lo immagino. Forse al mio scopo vale lo…

REGGIO NEMMENO

Come tutti gli emigranti, torno "a casa" sempre meno: i primi anni ogni scusa è buona per non saltare un mese, poi pian piano si comincia a intravedere un futuro in cui sarà già tanto una volta l'anno. E le virgolette, se non si era capito, sono perché tutti noi "andati via" prima o poi si intende per "casa" un altro posto rispetto a quello in cui siamo nati. C'è una dimensione però in cui mi distinguo dal "valore modale" dei miei "condestinei", allineandomi invece a una quota non insignificante ma minoritaria: io, da Reggio, ho scelto di andare via, a 26 anni e avendovi già un lavoro fisso e sicuro, e quando a 39 ho avuto una seconda possibilità anche migliore, dopo pochi mesi ho riscelto di nuovo di andar via. Se ciò sia tutto frutto di sventatezza (in parte sicuramente, se pensiamo che restando avrei avuto molti meno problemi economici di quelli che ho affrontato in un trentennio) o lungimiranza (se pensiamo che così almeno…

VENT'ANNI FA

Il dicembre del novantasette è stato a dir poco cruciale per chi vi scrive, e un ventennale è una bella cifra tonda per ricordarlo. Ma, niente paura, questo non è un post nostalgico e autobiografico, tanto gli amici trovati allora in quel di Trento e mai più persi, e anche quelli un pochino persi di vista ma mai di cuore e di pensiero e quindi di contatto almeno occasionale, lo sanno se mi leggono che sto parlando di loro.
E' un post di auguri di natale, ma a modo mio: con una scaletta, pardon oggi si dice playlist, necessariamente in qualche modo originale. La trovate alla fine, però: prima parliamo, sempre a proposito di musica, di un disco che ha fatto vent'anni pure lui e in qualche modo a suo tempo ha fatto epoca, e che stavo riascoltando l'altro giorno e mi ha fatto venire voglia di scriverne nei termini in cui lo sto facendo, forse anche perché proprio a Trento, anzi per la precisione a Rovereto, vidi la band che lo portava in tournée, e mi piacque tanto (no, non e…

WHAT'S IN YOUR HEA...RT

Mentre vi confezionavo il solito pippone anticapitalista, che non temete vi propinerò nei prossimi giorni, sono stato come tutti colpito dalla notizia della morte improvvisa di una di quelle personalità artistiche che si stagliano dalla propria epoca. Dolores O'Riordan non è entrata nel club 27 ma coi problemi che aveva ai tempi (anoressia, bipolarismo) ci è andata vicino. E' comunque morta giovane (per gli standard attuali a 46 anni lo si è tutti, specie poi se si ha un aspetto minuto come il suo) e "per un malore in una stanza d'albergo", come troppi siti hanno riportato, quasi ostentatamente citando una formula che vuole significare qualcosa senza volerlo o poterlo dire, e rinforzando il dubbio con altre virgolette a guarnire nel ricordarla la causa dell'annullamento dell'ultima tournée: "mal di schiena".
Chi vi parla è di quella generazione che scavallò la trentina proprio mentre uscivano i primi album dei Cranberries, la band cui Dolores d…

IL MIO NEMICO

Quo vado? di Checco Zalone è un film che oltre che ridere (tanto) a me ha fatto incavolare (tantissimo) al cinema, e di nuovo ieri sera che l'hanno passato in TV (in chiaro, quella a pagamento non mi avrà MAI). Mentre sembra prendere in giro l'etica "da Prima Repubblica" del suo protagonista, infatti, l'accoppiata Medici/Nunziante sferza, non so quanto consapevolmente ma a me piace pensare di si, proprio la nostra acquiescenza al credo della Seconda Repubblica e ai dogmi della UE, cioè della globalizzazione, che ci ha indotto a buttare (anzi, magari averlo fatto davvero...) assieme all'acqua sporca della corruzione e del fancazzismo anche il bambino del diritto di ciascuno a una esistenza libera e dignitosa, che pure sarebbe nella nostra (settantenne da pochi giorni) Costituzione.
Di oggi è invece la notizia che anche un vecchio comunista come Ivano Marescotti si è arreso all'evidenza che oggi chi abbia a cuore la sorte del popolo italiano non può che vot…

NOTTI TRAGICHE

Da bambino ero milanista, perché mio papà lavorava a Milano e perché ci giocava il più grande regista italiano di tutti i tempi, Gianni Rivera, uno col fisico di un "abatino" (Brera dixit) che sembrava non correre ma invece (avete presente Federer nel tennis, che sembra non faticare?) velocizzava il gioco più di tutti i corridori di oggi mandando il pallone lontanissimo dove voleva lui, segnando tanto e facendo segnare (anche mezzi brocchi) ancora di più. Quando Berlusconi comprò il Milan, e ancora non si sospettava che la cosa facesse parte di una strategia ben più ampia né si conoscevano le origini malavitose dei suoi soldi, mi ero già allontanato dal calcio da alcuni anni, perché era iniziata nei primi anni 80 la meravigliosa parabola sportiva della Cestistica Piero Viola, e il basket lascia miglia indietro il calcio per quasi ogni dimensione sportiva (frequenza e varietà di gesti tecnici, suspense, peso dei valori in campo, eccetera). Così, mentre mio cugino/fratello e …

NEI PANNI DEL GRANDE VECCHIO

Più volte su queste pagine ho sostenuto che postulare l'esistenza di un Grande Vecchio è un pelo superfluo per il rasoio di Occam, dato che sono sufficienti le tendenze naturali del capitalismo a spiegare come e perché in un sistema economico la ricchezza tenda a concentrarsi in pochissime mani incurante persino della sopravvivenza sia fisica dei non favoriti sia del sistema in sé, e che quindi il capitalismo può essere utile all'umanità solo se imbrigliato in regole che lo costringano a pensare sia agli uni che all'altro, cioè sotto la tutela del socialismo.
Il Grande Vecchio è però un espediente retorico efficacissimo, e non c'è niente di male a ricorrervi, specie se si mettono le mani avanti sulla sua natura "letteraria", magari calzandone i panni come faccio io adesso per togliere ogni altro dubbio. Anche questo l'ho già fatto, oggi mi serve per chiarire come si possa ritenere che l'immigrazione debba essere regolata in un modo molto diverso da qu…